Valle D'Aosta

GROSJEAN

 

Grosjean è un'azienda che da generazioni lavora con la terra e i suoi frutti. Grosjean, però, è prima di tutto una famiglia: la nostra Famiglia, fatta di persone. Perché, come in tutte le cose, è il fattore umano che fa la differenza.

Nel 2011 il salto di qualità: di comune accordo si optò per la conversione Biologica. Nel 2018, questo ottimo esempio di rinnovata viticoltura valdostana di eccellenza passa nelle mani della terza generazione Grosjean: Hervé, Simon, Mathieu, Didier, Josianne ed il genero Marco hanno ereditato il mandato.

 

OTTIN

 

Nel 1989 Elio Ottin era un giovane intrepido, senza paura di sognare. Dopo aver completato i suoi studi presso l'Institut Agricole Regional (Scuola agricola regionale) all'età di 23 anni, ha acquisito i suoi primi terreni situati tra i comuni di Quart e Saint-Christophe. A causa dei gradienti acuti e del suolo a grana grossa, questo terreno vergine era difficile da lavorare. Tuttavia, in un tempo relativamente breve è riuscito a trasformare questo terreno in "terroir" che ha fornito tutti i minerali e la verticalità che contraddistinguono i suoi vini domaine e costituiscono il vero patrimonio dei vini montani valdostani.

Nel 1999 Elio realizzò quella che risultò la decisione più importante e più importante della sua vita, lasciando il suo vecchio lavoro e decidendo di condurre l'azienda verso l'espansione e la terra coltivabile raggiungendo rapidamente un totale di 13 ettari che comprendevano 4 ettari di vigneto, 4 ettari di meleti e 5 ettari di pascoli. Il 2007 è quindi diventato l'anno zero nel quale ha prodotto un totale di 30 mila bottiglie, tra cui tre tipi di vino: Petite Arvine, Pinot Noir e Torrette Superieur. Il suo sogno si era avverato.

 

PIANTAGROSSA 

 

Se c'è un enologo che incarna quasi esattamente l'aspirazione e la passione di un vero sognatore, questo è Piantagrossa.
Piantagrossa è una cantina piccolissima e super giovane fondata nel 2013 da Luciano Zoppo Ronzero, allora manager di una multinazionale di telecomunicazioni. Tuttavia il seme della storia e della tradizione c'era già: Luciano è cresciuto a Donnas, in Valle d’Aosta, circondato da piccoli viticoltori radicati da generazioni nella poesia dell'eroica vinificazione alpina della Valle D’Aosta.
Lì, fin da bambino, Luciano assorbe e impara i segreti del mestiere che rimase come un rimpianto e un sogno fino a quando decise di tornare indietro. È così che nasce Piantagrossa: 2 minuscoli ettari di vigneto, arroccati sui pendii incredibilmente ripidi delle montagne Donnas e St-Martin a 450/500 metri sul livello del mare, sostenute dai 500 muri a secco vecchi di anni da dove tutto deve essere fatto manualmente. Piantagrossa produce Nebbiolo e altri vitigni autoctoni in piccolissime quantità come Fumin, Vien de Nus, Neyret e Freisa.

 

Piemonte

ABRIGO

 

Questa cantina si trova sulle colline di Diano d'Alba, nel cuore dei "sori", di fronte alla collina di Diano d'Alba ed ha una lunga tradizione familiare nella produzione di vino. L'azienda Abrigo  ha la giusta posizione al sole, il giusto microclima e un terroir molto speciale e unico che ha tutto quello che serve per offrire i migliori vini come un fantastico Barolo chiamato Ravera, il particolare Dolcetto di Diano d'Alba DOCG e una fruttata e piacevole Barbera d'Alba DOC.

 

BRIC CENCIURIO 

 

"Bric Cenciurio" nel dialetto piemontese significa "Cenciurio in cima alla collina", perché questa cantina si trova nel cuore delle Langhe, sulle colline di Barolo.

Ecco dove prende il nome la cantina. Buoni metodi di produzione e ricchi terreni offrono incredibili vini come il Barolo e l'Arneis DOCG, i prodotti principali di questa bella cantina, con una prospettiva di grande potenza crescente per i prossimi anni.

 

 

CASCINA FALETTA

 

Elena e Giovanni continuano, con tenacia e passione, il progetto iniziato dai nonni. Furono proprio i loro antenati a lavorare nelle terre circostanti dagli anni '20. I vitigni indigeni e internazionali che erano stati piantati, oggi, producono bianchi, rossi e vini spumanti.

Cascina Faletta fu costruita nel 1881, la cantina è circondata interamente dai loro vigneti: un documento certifica che già nel 1957 Faletta ricevette 500.000 lire per essere considerata una cantina di eccellenza. Ora, come allora, il viaggio nello straordinario mondo del vino continua. E, come dovrebbe essere, ogni bottiglia è una testimonianza del passato. I vitigni indigeni e quelli internazionali ora producono bianchi, rossi e vini spumanti ottenuti anche con il metodo classico. Ogni etichetta ha la sua storia, come ad esempio lo spumante, la Marchesa Virginia, in omaggio alla donna ritenuta il primo proprietario della tenuta. Poi c'è il vino bianco Myricae, così chiamato perché l'omonima e famosissima raccolta di poesie di Giovanni Pascoli racconta la vita nei campi.

 

CASCINA GALARIN

 

Insieme a Giuseppe Carosso, oggi in azienda lavorano anche i figli, Marco e Giovanni, che contribuiscono a portare avanti una tradizione di famiglia di oltre due secoli. Da sempre attenti al rispetto della natura e dell’ambiente, siamo convinti che la qualità di un vino nasca in vigna così non utilizziamo erbicidi e pesticidi e favoriamo la nascita e lo sviluppo di diversi tipi di erbe tra i filari.

Ogni vite viene considerata come un individuo da interpretare e accompagnare negli anni, per poter esprimere l’unicità del territorio. Anche in cantina seguiamo ogni fase, dalla selezione e pigiatura iniziali fino al confezionamento di ogni singola bottiglia.

Non utilizziamo nessun erbicida o pesticida nei nostri vigneti e noccioleti, in alcuni di essi non falciamo l’erba. Crediamo nell’importanza dell’inerbimento, poiché solo così moltissime varietà erbacee possono crescere.

Riteniamo che per poter esprimere al meglio un terroir sia fondamentale lavorare con viti vecchie: l’unicità e la bellezza di un vigneto si manifestano maggiormente con piante aventi apparati radicali molto profondi. 

L’imbottigliamento avviene con il minor impiego di solforosa possibile, e, come da tradizione, solamente durante i giorni di luna calante.

 

CA DE LION GHIONE 

 

Il nome deriva dal primo ascendente Leone Ghione, che nel 1655 ha costruito questa casa magica. La qualità dei vini di Ca de Lion è apprezzata in tutto il mondo, ogni bicchiere di vino è come una piacevole nota musicale: ti rilassa, è molto piacevole come l'incredibile Moscato d'Asti DOCG, il prodotto eccezionale in Piemonte e per questa cantina che si trova a Canelli, città riconosciuta in tutto il paese per la produzione di Moscato d'Asti . La cantina produce anche altri tipi di vino: Barbera, Sauvignon, Cortese, Chardonnay, Grignolino, Dolcetto, Pinot Noir in rosè, Nebbiolo, Brachetto, e alla fine "Ca de Lion", un blend di uve Pinot Noir e Ruchè.

 

DEMARIE

 

Demarie è stata fondata nel 1957, e si trova a Vezza d’Alba, nel versante Roero del fiume Tanaro, nel cuore della zona Patrimonio Unesco. 
Demarie coltiva solo varietà autoctone per produrre una gamma di vini autoctoni simbolo della regione. I vini di Demarie sono prodotti utilizzando solo le uve dei loro vigneti, gestiti con agricoltura biologica.

La cantina Demarie ha a cuore l'ambiente e per questo hanno scelto di utilizzare: pannelli solari, centrale a biomasse e pompe di calore, materiali per costruzione che contengono la dispersione del calore.

 

ERALDO VIBERTI

 

Azienda agricola a conduzione familiare dal 1960, nei suoi 6 ettari di vigneto si coltivano i vitigni tipici delle Langhe: Dolcetto, Barbera, Nebbiolo. I valori: rispetto per la terra e per il lavoro legato alla tradizione, valutazione delle caratteristiche dell'annata, adeguando di conseguenza i tempi di fermentazione e invecchiamento, diversi per vitigno e vigneto. Siamo a La Morra e sicuramente sapete quanto sia tipico il Barolo di questa zona.

 

LA CAMPORE

 

L'Azienda Agritiviticola nasce nel 2003 con la nuova cantina che vive una vendemmia tardiva in cui sta maturando il Caluso Passito. La filosofia aziendale si basa sul rispetto per l'ambiente, la ricerca della qualità, la selezione limitata di vini che esprimono la tipicità del territorio e della tradizione.
L'origine dell'azienda risale al 1974 con l'acquisto da parte della famiglia Fiamenghi di 38 ettari di bosco ceduo, con annesso rustico nei pressi del castello di Masino, dai Conti Valperga. La gestione è oggi nelle mani di Franca Fiamenghi e del marito Roberto Gabriele, che segue personalmente la gestione dei vigneti, costituiti da vitigni autoctoni come l'Erbaluce di Caluso per ottenere la produzione dei vini Rosso Canavese DOC ed Erbaluce di Caluso DOC, il passito e lo spumante metodo classico. La Campore ha ottenuto il riconoscimento di Maestri del Gusto.

 

LA MONTAGNETTA 

 

Condotta da Domenico Capello, La Montagnetta è una piccola azienda di circa quindici ettari di terreno, di cui dieci a vigneto, posti nei versanti più soleggiati delle colline nord astigiane della Val Triversa, comprese nei comuni di Roatto, S. Paolo Solbrito e Piovà Massaia.

L’azienda agricola La Montagnetta è ormai nota come specialista del Freisa: negli ultimi anni, in una serie di studi ed esperienze condotte, è stato possibile evidenziare come un elevato grado di maturazione consenta di produrre uve dalle qualità enologiche inaspettate. È situata in frazione Bricco Capello a Roatto, in provincia di Asti, dislocato sui rilievi collinari del nord astigiano a 256 metri di altezza. 

 

LA SERRA 

 

Piemonte e la sua Erbaluce! Questa uva bianca autoctona è stata scoperta intorno al 1600 e oggi è una delle migliori e più importanti regioni del vino in Piemonte. La cantina La Serra è uno dei principali produttori di Erbaluce di Caluso DOCG in diversi metodi, base con il suo gusto caratteristico di pere, erba tagliata, salvia e fiori gialli, un Erbaluce con passaggio in legno, in forma di Metodo Classico e il famoso Passito da vendemmia tardiva. L'Erbaluce è oggi considerato come uno dei vini bianchi più eleganti e raffinati in Italia.

 

LA SPINONA 

 

Una grande espressione di Barbaresco.

La cantina La Spinona si trova sulle colline del comune di Barbaresco, luogo dedicato alla produzione di vini incredibili. La Spinona è un'azienda che rappresenta il suo fondatore Pietro Berutti, uomo di grande esperienza che crede nel  Barbaresco fin dagli anni '40. Pietro si occupa di produrre  vino, mentre suo padre Guatiero ha fatto un grande lavoro attento nei vigneti per garantire la crescita dell' ottima uva Nebbiolo.

Il nome della cantina è un tributo al loro cane, Baica, uno Spinone Italiano. Oggi questa cantina produce i migliori premiati Barbaresco DOCG e Barolo DOCG ed è apprezzata dai più importanti critici enologici in tutto il mondo.

 

LE CECCHE

 

Le Cecche è un piccolo borgo di Diano d’Alba, uno degli “undici comuni del Barolo” in Piemonte. 

Dal 2001 in avanti, l'azienda subisce un attento restauro degli edifici e la creazione di una moderna cantina, con nuovi vigneti di Barbera, Nebbiolo e Merlot nelle terre attorno alle case, con esposizioni sud e sud-ovest. Anche il vecchio vigneto di Dolcetto, piantato negli anni cinquanta, è stato restaurato. Attualmente Le Cecche possiede 8 ha di vigneto.

Iniziando con una produzione di 3000 bottiglie nel 2002, la produzione ha raggiunto 40.000 bottiglie.

 

LUZI WINERY 

 

La Tenuta Luzi Donadei, è stato abitata dalla stessa famiglia per quattro secoli, la madre di Andrea è stata la prima a far conoscere il Dolcetto di Clavesana ai grandi critici enologici dell'epoca come Luigi Veronelli, ora Andrea Luzi è il proprietario dell'azienda vinicola e porta avanti questa grande filosofia insegnata da sua madre, esaltando lo stile del buon gusto e del buon vivere nel suo territorio, Dogliani!

L'anima di queste colline sacre nella zona di Dogliani è il terroir: bianchi strati vertiginosi di tufo, questa terra bianca è famosa in tutto il mondo per la sua straordinaria composizione mineralogica che conferisce ai suoi vini la sua solita eccellenza per bouquet e gusto. In questa zona viene prodotto il famoso Dogliani DOCG prodotto con uva Dolcetto 100%. Il metodo di produzione di Luzi sulla "Guerra integrata" nei vigneti rende i suoi vini come Dogliani DOCG, Barbera, Nebbiolo e Langhe Chardonnay completamente diversi, con un bouquet davvero interessante e complesso e un gusto fruttato e succoso. La cantina è monumentale e risale al XVI secolo. La cantina Luzi Donadei presta particolare attenzione alla qualità dei vini e al valore e al lavoro delle persone che li hanno realizzati. Crede fermamente nei suoi 14 ettari di vigneti e nelle potenzialità del Dogliani DOCG, un vino rosso in grado di esprimere al meglio un'uva autoctona come il Dolcetto di Dogliani.

 

MOSCONE 

 

La tradizione enologica dei Fratelli Moscone risale al 1877. Possiedono 18 ettari di vigneti nelle zone più importanti di Monforte d'Alba, cinque dei quali nel rinomato cru Bussia. La particolare esposizione dei vigneti, tipica di Monforte d'Alba, raggiunge la massima espressione nei cru della proprietà. La vinificazione e la chiarifica vengono eseguite in due caratteristiche fattorie di Langa, dove tradizione e
l'innovazione sono saldamente delimitate.
L'esclusivo equilibrio di eleganza e carattere dei vini Moscone deriva da secoli di sapiente conoscenza delle tecniche enologiche e dalle più nuove strutture vinicole. La genealogia della famiglia Moscone si perde nella storia, ma è nel 1877 con la nascita di Giacinto che la dinastia lega il suo nome al rinomato vino piemontese. Giacinto ha iniziato la sua attività di successo come produttore a Monforte d'Alba, concentrandosi sulla qualità della terra e dei vigneti più adatti della regione. Dopo la sua morte nel 1944 gli succedette suo figlio Angelo, che continuerà la sua attività, migliorando la qualità del vino Moscone e trasmettendo la sconfinata passione di famiglia ai suoi attuali figli. Gli eredi Giacinto e Livio insieme alla moglie di Livio, Luciana Abbona, hanno continuato nella filosofia di famiglia, sviluppando l'azienda che oggi possiede due diverse cantine a Monforte d'Alba.

 

PARIDE IARETTI 

 

La nostra azienda ha le sue radici a Gattinara. I 4,5 ettari di vigneto che lo identificano si sviluppano sulle colline che degradano verso il paese. Il Monte Rosa fa da cornice a questo splendido terroir, che incanta chi viene qui, spinto dalla curiosità di capire e conoscere l'Alto Piemonte. I nostri appezzamenti accolgono in maniera quasi esclusiva un unico vitigno, il più nobile, il Nebbiolo. La cura dei vigneti e della vinificazione è affidata alle cure del socio fondatore, Paride, coadiuvato da Mattia, mentre Fabrizio vi accoglierà in cantina.
L'azienda nasce all'inizio del nuovo millennio, grazie a Parigi, per poi accogliere, a partire dal 2015, all'interno della propria struttura aziendale, altre persone, portatrici di esperienze professionali molto diverse. L'obiettivo comune dei soci è quello di far crescere dimensionalmente questa realtà, portandola gradualmente verso una produzione annua di circa 30.000 bottiglie, nel rigoroso rispetto della qualità, che da sempre contraddistingue il nostro vino.

 

PIAZZO 

 

L'azienda vitivinicola Piazzo si trova a San Rocco Seno d'Elvio, distretto litoraneo della città di Alba e lavora nella produzione Barolo e Barbaresco dal 1969. Marina, Franco e i suoi figli Simone e Marco sono i proprietari di questa bella cantina, che è situata tra vigneti nobili, uno dei simboli della loro cultura e tradizione locale che ogni anno produce etichette altamente riconosciute con uve autoctone, tra cui Dolcetto d'Alba, Barbera d'Alba, Langhe Nebbiolo, Barbaresco DOCG e il loro prodotto più importante, Barolo DOCG .

 

PIER PAOLO GRASSO 

 

Pier Paolo Grasso è nato in una famiglia

di vignaioli e si è dedicato

all'agricoltura a partire da tenera età,

in particolare concentrandosi sulla piantagione di viti.

Nel tempo, grazie anche a studi specializzati, ha deciso di produrre vino con la stessa cura e amore delle sue viti. Oggi, dopo oltre quindici anni, con l'aiuto della moglie Sara, Pier Paolo produce una vasta gamma di vini piemontesi di qualità, presenti sul mercato italiano e internazionale.

Il molo dell'Azienda Vitivinicola si trova sulla collina di Treiso, a pochi chilometri da Alba e Barbaresco. È una cantina che si distingue per i suoi vini, che raccontano storie di passione per la terra e la coltivazione, storie di tradizione, dedizione; è un'azienda che vive in armonia con la natura, che attende pazientemente il momento migliore per raccogliere uva e mosto di lavorazione, al fine di produrre un prodotto finale eccezionale e robusto.

Dato l'uso limitato di solfiti, l'assenza di additivi di origine animale e la preoccupazione per l'ambiente, evidente sia nei vigneti che nell'impiego di imballaggi in vetro leggero, l'Azienda Vitivinicola Pier si impegna a garantire un vino e un ambiente più salubre per tutti.

 

RIVETTO 

 

Questa azienda vinicola biologica e Bio dinamica si trova in cima alle colline di Lirano, a 400 metri sul livello del mare, al confine con il villagio di Barolo. Il terreno, da cui deriva la ricchezza, la potenza e l'eleganza dei tannini, è tipico di Serralunga: calcareo e ricco di argilla, con la presenza di marne. La cantina si estende su 15 ettari di vigneti.
Le pratiche organiche e biodinamiche sono i mezzi, non il risultato. Al momento il produttore non conosce la mappa, ma conosce la direzione: chiara, ben definita. Rivetto sta anche facendo la vinificazione in anfore e terracotta: un nuovo modo per capire l'evoluzione e la shelf life dei loro vini!
Produce vini di altissima qualità. Per i vini rossi la denominazione tipica della zona come Barbera d'Alba, Nebbiolo, Barbaresco e diversi Barolo: Barolo del Comune di Serralunga d'Alba, Barolo Briccolina e Barolo Leon Riserva, per consentire la degustazione di diversi cru e annate. Una rara uva bianca locale è di nuovo il risultato di una scelta basata sul terroir e sulla tradizione: una Nascetta al 100%, per apprezzare davvero questa tipica uva a bacca bianca della nostra terra.

 

ROSSOTTO 

 

Fondata nella "Collina Torinese", le splendide colline che circondano Torino, l'azienda vinicola Stefano Rossotto è stata un punto di riferimento vitivinicolo della famiglia per quasi un secolo. La cantina Rossotto è famosa per i suoi vini freschi, gustosi e aromatici come il Freisa DOC, un tipico vino rosso con note floreali e fruttate, Albugnano DOC, un vino Nebbiolo proveniente dal cuore del Piemonte sulle colline del Monferrato con i suoi sapori straordinari e il loro principale prodotto Malvasia DOC, un vino dolce aromatico, piacevolmente fruttato con un gusto di frutta candita e rosa selvatica.

 

SASSI SAN CRISTOFORO

 

Sassi San Cristoforo è una piccola cantina, un gioiello, pulita, perfetta e sviluppata per rispettare l'uva Nebbiolo. I vini sono prodotti senza fretta e morbidamente invecchiati in grandi botti e barriques, garantendo una qualità molto alta. Il proprietario e il viticoltore Davide Carniel conosce molto bene come rispettare il terroir tipico, avendolo vissuto in numerose cantine importanti, tra cui la famosa cantina Gaja, famosa in tutto il mondo e usa la sua filosofia lavorativa per la produzione di questi fantastici vini rossi con diversi stili: "Classico" Barbaresco, le selezioni Barbaresco "San Cristoforo" e "San Cristoforo Riserva". Per completare la gamma dei prodotti c'è uno straordinario Langhe Nebbiolo, un Dolcetto d'Alba fruttato e un fresco Moscato d'Asti.

 

 

 

 

SORPASSO

 

I sogni di Martina e Vittorio nascono nel 2012 con la prima vigna affittata in Carema, un territorio difficile da coltivare ma affascinante.

È in montagna. Roccioso. Insidioso. È una quotidiana sfida per coltivare.
La prima annata di Sorpasso vinificata è stata il 2014.


La tradizione vinicola di Carema è la base dello sviluppo di Sorpasso. I cambiamenti climatici saranno al centro dell'evoluzione viticola e la soluzione a questo sarà la biodiversità in vigneto, ricchissima nel nostro territorio. Per questa ragione tutti i vigneti di Sorpasso contengono percentuali varie di vitigni autoctoni minori.

 

TENUTA MONTEMAGNO

 

Grazie ai vigneti esposti a sud-ovest, al microclima di cui gode questa zona con i suoi terreni argillosi calcarei, una lavorazione svolta a mano, le geniali intuizioni della famiglia Barea e la competenza dell'enologo Gianfranco Cordero, Tenuta Montemagno produce oggi bottiglie di grande prestigio figurando tra i primi 100 vini italiani. Questa terra custodisce il tesoro più prezioso dell'astigiano. Ricchezze che Tenuta Montemagno esibisce nel rigoglio delle sue coltivazioni. Dallo stesso comune di Montemagno i vigneti si estendono fino alle vicine Altavilla, Viarigi e Casorzo. La vista è affaticata ammirando filari e filari di alcuni dei più antichi e famosi vitigni piemontesi, come il Ruchè, il Grignolino, il Barbera e la Malvasia di Casorzo.

 

TENUTA SAN MAURO 

 

Tenuta San Mauro si trova tra Langhe (Neive) e Monferrato (Castagnole delle Lanze), terra di Barbaresco e Barbera. Questa cantina è guidata da Mauro e dalla sua famiglia. Tenuta San Mauro conta 70 ettari di cui 40 sono vigneti e 30 con erba, alberi e legno. Tutti i vini sono DOC e DOCG: Barbera d'Asti, Barbera d'Asti Superiore, più complessa con la ricchezza del legno, Langhe Chardonnay, piacevole e fruttato, Moscato d'Asti, dolce e aromatico. I vini di San Mauro sono prodotti di alta qualità e con una grande struttura come l'incredibile Barbaresco DOCG e l'incredibile Barbaresco Canova DOCG, ottenuto dai vigneti più antichi.

 

TRE SECOLI 

 

Una delle più importanti cooperative della regione Piemonte, che produce vini tradizionali dal 1887. Tre Secoli può essere considerato uno dei principali attori dell'industria del vino soprattutto per Moscato d'Asti, Brachetto d'Acqui, Barbera d'Asti, tra cui il nostro grande Barbera d'Asti Nizza, Albarossa e un grande Piemonte Rosso (una fantastico blend di Barbera, Merlot e Cabernet Sauvignon).

 

 

VIGNE DEI MASTRI 

 

Una bella famiglia conduce una fantastica cantina verde eco-sostenibile. Il loro obiettivo è il rispetto dell'ambiente attraverso l'uso esclusivo di energia pulita, il riciclaggio dell'acqua piovana, l'uso solo di legno certificato. Vigne dei Mastri si trova a Costigliole d'Asti, una delle zone più vocate per la produzione di Barbera. Producono diversi premiati vini di ottima qualità da uve Barbera: "Galileo", una Barbera d'Asti Superiore con eccezionale eleganza e complessità; "Superba", edizione limitata di Barbera Superiore, ottenuta facendo appassire parte delle uve dopo la raccolta; "Marcello" un Monferrato doc piccante con l'80% di Albarossa; "Chiara" un bianco Monferrato Doc ottenuto da Riesling tedesco e "Chiararose" "uno stile francese Monferrato Rosè, ottenuto con uve 100% Barbera".

 

VIOTTI 

 

Una splendida cantina gestita per sette generazioni da una famiglia che porta la passione per il vino a Castel Rocchero, un piccolo borgo medievale riconosciuto come patrimonio dell'UNESCO. Guido, il produttore, e sua figlia Bianca portano la tradizione familiare con devozione. Sono persone gentili che producono vino con grande cura, come un incredibile Albarossa, un tipico vino rosso piemontese, l'uva di Albarossa nasce dall'incrocio tra pianta Barbera e pianta Nebbiolo, un elegante Brachetto, uva rossa aromatica autoctona fatta in dolce e anche a secco, Barbera d'Asti, e un fresco rosè con uva Albarossa.

 

VOERZIO-MARTINI 

 

Questa cantina situata nella zona delle Langhe è una nuova azienda gestita dal fondatore Gianni Voerzio e dai suoi esperti enologi Mirko e Federica Martini. La sinergia tra queste diverse figure professionali ha prodotto un nuovo impulso e importanti innovazioni che hanno portato un impatto positivo sulla società nel suo complesso e hanno migliorato la già alta qualità dei loro vini come Barbera, Nebbiolo, Moscato e anche un grande e premiato Barolo. Il marchio è riconosciuto in tutto il mondo e ogni anno i vini di Voerzio-Martini sono premiati con James Suckling e Wine Spectator.

 

TORRACCIA DEL PIANTAVIGNA

 

Torraccia del Piantavigna è situata a Ghemme, nell’Alto Piemonte, ai piedi del Monte Rosa, una delle più emblematiche montagne italiane. Con una superficie di 40 ettari coltivata a vitigni autoctoni di grande tradizione come il Nebbiolo, la Vespolina, l’azienda vinifica, affina e imbottiglia, direttamente nelle sue cantine, vini rossi, bianchi e rosati di grande qualità, tra i quali spiccano eccellenze come il Ghemme e il Gattinara D.O.C.G.

L’attuale generazione alla guida dell’azienda trae insegnamento dall’esperienza di nonno Pierino, fondatore dell'azienda, non solo nel produrre vini di consolidata qualità ed eleganza, ma anche nell’attitudine al rispetto e allo sviluppo di valori imprescindibili come il Territorio, la Comunità e l’Ambiente. A riprova del suo impegno verso la tutela e la salvaguardia ambientale, Torraccia del Piantavigna ha ricevuto il prestigioso premio Eco-friendly del Touring Club Italiano nel 2014, nel 2017 e nel 2018.

 

Lombardia

CA’ BIANCHE

 

Nel 2007, all'età di 27 anni, ho deciso di lasciare il mio lavoro in Svizzera e dedicarmi alla mia vera passione, la terra. Così ho ritirato la piccola azienda di famiglia, di appena un ettaro di vigneto e un ettaro di alberi di mele; e fin dal primo giorno mi sono messo al lavoro con orgoglio e con la voglia di fare cose di alta qualità. È così che nasce la mia azienda.

Le mie intenzioni furono subito chiare, fare qualcosa di importante per questo territorio pieno di asperità che non ti da niente senza fatica, ma se lavori con passione ti può dare molte soddisfazioni. Così dalla mia piccola vigna ho deciso di tirare fuori tutto il meglio di questa terra e, lavorando sulla qualità e non sulla quantità, ho deciso di costruire una cantina e fare un po 'di vino, ma che fosse un ottimo vino di qualità.

L'azienda si trova ad un'altitudine di 750 m.s.l.m. sulla sponda retica delle Alpi, a 2 km da Tirano nella frazione di Baruffini, precisamente Cà Bianche, dove si trova anche l'uva che produco.

 

LA SPIA

 

Tra i vigneti valtellinesi nasce l’etichetta “La Spia”, il cui nome è legato all’omonimo costone roccioso situato nella sottozona Sassella. Nel 1962 la proprietà del bosco in collina passa alla famiglia Rigamonti che la destina alla coltivazione delle uve di Nebbiolo, del biotipo Chiavennasca.

Negli ultimi anni La Spia cambia registro produttivo, passando da poco meno di 5.000 ad oltre 15.000 bottiglie prodotte.
L’azienda prende in conduzione piccoli vigneti scelti nelle sottozone limitrofe. 

Clima e terreno, due elementi principi per fare della Valtellina un territorio vocato alla viticoltura. Su questi pendii, i corti filari disposti nei terrazzamenti restano un sistema antico e funzionale che ha reso possibile l’attuale viticoltura valtellinese, una delle aree terrazzate di montagna più estese d’Europa.

 

Trentino-Alto Adige

CASTELLO DI ENGLAR

 

Siamo in Alto Adige e la nobile famiglia vive in un castello che risale al 15° secolo, di proprietà della stessa nobile famiglia dal 17° secolo e appartenuto all'Impero Asburgico fino a quando era una realtà in questa parte dell'Italia. Il titolare ora è un “Conte” e gestisce, con la moglie e un enologo famoso nella zona, questa azienda vinicola ed il  castello. La tenuta di 13 ettari si trova direttamente intorno al castello con 7 ettari di vigneto. Qui il vino è coltivato dai conti Khuen-Belasi dal 1640. I vini Englar sono prodotti esclusivamente con uve provenienti da questi stessi vigneti e vengono lavorati e imbottigliati direttamente nella tenuta, producendo: Pinot Bianco, Riesling, Chardonnay, Sauvignon Blanc, Gewürztraminer, Vernatsch e Pinot Nero. Quello che sorprende è l'armonia di questi vini, la maggior parte dei quali fermentati in “tini” di legno aperti e invecchiati a lungo in botti e legno. Un equilibrio tra acidità, freschezza, tannini e sapori che fa di questa zona una delle Regioni dominanti della viticoltura italiana.

Toscana

TENUTA DI ARTIMINO 

 

Questa splendida cantina si trova nel cuore della Toscana, con una storia così lunga della tenuta della famiglia Medici del 1596, oggi patrimonio dell'UNESCO. Il vino Carmignano (un blend di Sangiovese, Cabernet Sauvignon e Merlot, invecchiato in legno) ha 300 anni di storia: basta ricordare che Caterina de 'Medici, regina di Francia, ha portato il Cabernet in questa terra nel XVI secolo e nel 1716 Cosimo III ha scritto un editto per proteggere la produzione di Carmignano. L'obiettivo della nuova linea Artimino 1596 è sottolineare il forte legame con il terroir e la tradizione, in particolare con il Poggilarca Carmignano DOCG e il Grumarello Carmignano DOCG Riserva. Da non perdere sono anche le IGT in stile toscano, il  Chianti Montalbano DOCG, il tradizionale vino rosé Vin Ruspo e l' IGT Artumes fruttata ed esotica.

 

CANTINE GUIDI

 

È a Poggibonsi, nel cuore della provincia di Siena, che la famiglia Guidi produce dal 1929 alcuni dei vini più espressivi non solo della zona ma anche di tutta la Toscana. Prodotti che nascono grazie alla passione e all'esperienza maturata negli anni e che uniscono tradizione e modernità. L'azienda nasce nel 1929 ed è da allora che ogni gesto si tramanda di padre in figlio, un saper fare sedimentato e tramandato vendemmia dopo vendemmia fino ad oggi presentando una linea di vini che esprimono il territorio toscano con attenzione a tutti i dettagli. Hanno 3 domini e cantine: nel Chianti Classico, Montalcino e San Gimignano.

FATTORIA DI CORSIGNANO

 

È un’azienda a connotazione famigliare con una piccola produzione di alta qualità. Le importanti valutazioni ricevute ogni anno sono prova di qualità, affidabilità e di impegno. Lo stile dell’azienda è quello di produrre un Chianti Classico che esprime al massimo il territorio, la tradizione con i suoi vitigni autoctoni, il suolo, la tipicità e l’unicità del Sangiovese. L’amore per il Sangiovese fa sì che molti vini esaltino la sua purezza.
Tutte le etichette dei vini provengono da opere d’arte di importanti artisti italiani, di cui la proprietà ha i diritti d’autore e dalle quali sono state realizzate le etichette, molto intriganti e magiche costruite attorno all'idea di carte da gioco, anche per ricordare l’atmosfera giocosa e conviviale delle osterie dove veniva consumato il vino.

 

FATTORIA LA TALOSA 

 

Da tre generazioni la famiglia Jacorossi con amore, passione e dedizione ha portato la cantina Talosa ai vertici dell'enologia italiana.
Tutto è iniziato con Angelo Jacorossi, noto imprenditore, con un forte legame con il terroir toscano.

33 ettari di vigneti in uno dei più bei cru di Montepulciano, chiamato Pietrose, a un'altitudine di 350-400 m slm. con esposizione sud-ovest al sole.
L'ossessiva dedizione alle tecniche di coltivazione e alle selezioni del raccolto su piccole porzioni di terra è sinonimo di uve di alta qualità per ottenere vini degni del nome della tenuta.

I terreni di medio impasto sono di origine pliocenica composti da tufo e sabbie argillose che caratterizzano questa zona eccezionale in grado di produrre grandi vini. La Talosa Cellar risale al XVI secolo e visitarli è come fare un passo indietro. I passaggi di mattoni contengono una serie di volte e nicchie in cui sono collocate le botti. La cantina principale di affinamento delle botti si trova nel centro storico di Montepulciano, in una zona sotterranea tra due dei più antichi edifici della città: Palazzo Tarugi e Palazzo Sinatti.

 

POGGIO AL MANDORLO 

 

Poggio al Mandorlo Wine Estate si trova all'interno della zona del Montecucco DOCG.

Questa tenuta di 94 acri, di cui 30 acri coltivati ​​a Merlot, Cabernet Franc e Sangiovese, ha anche circa 3 acri di uliveti. Il territorio presenta un terreno complesso argilloso e calcareo marnoso, ricco di quarzi e selci, con un contenuto predominante di tufo e galestro nei livelli di pendio più elevati. La montagna, con i vigneti e i boschi circostanti, offre condizioni che conferiscono alle uve una freschezza particolare che si mantiene fino all'imbottigliamento. La ventilazione costante durante tutto l'anno è importante per avere uve sane. L'escursione termica tra il giorno e la notte aumenta la capacità delle uve di maturare correttamente. 
La cantina segue i principi dell'enologia moderna con attrezzature all'avanguardia, necessarie per ottenere l'eccellenza per cui i vini Poggio al Mandorlo sono noti.

 

Friuli Venezia Giulia

BLAZIC

 

A metà strada tra il Mare Adriatico e le Alpi Giulie si trovano le colline del Collio, affascinanti per gli scenari affascinanti e rinomate in tutto il mondo per i grandi vini bianchi. Grazie al clima mite con temperature mitigate dal mare e protette dai venti e dalle tempeste dalle montagne. Franco, Cinzia e Michele prestano particolare attenzione all'armonia tra la viticoltura tradizionale, che perseguono la coltivazione di varietà autoctone da vecchi cloni eccezionali, e le più avanzate pratiche di gestione agronomica.

Tecniche all'avanguardia e rigoroso rispetto dell'ambiente rendono tutta la magia dei profumi e dei sapori della frutta, e l'originalità dei vigneti di Zegla e Via delle Vigne danno il meglio di sé ai vini della famiglia Blazic.

 

AQUILA DEL TORRE

 

Custodi della biodiversità presente sul territorio aziendale e lavoratori  della terra con l'obbiettivo di  rispettare e  preservare la naturale inclinazione dei suoli.

Da sempre impegnati nella produzione di vini nel rispetto dell’ambiente in cui lavorano e vivono, credono nel confronto con nuove culture il cui interscambio è abituale.

Un'azienda che vanta un team dai caratteri diversi ma complementari, affiatato, che rende Aquila del Torre una realtà dal carattere familiare e perfettamente integrata con i meccanismi di evoluzione del mercato globale.

 
 

Veneto

LE MORETTE 

 

Il sig. Valerio Zenato è proprietario di questa splendida cantina del Veneto, situata a San Benedetto di Lugana, molto vicino al Lago di Garda. Oggi è una delle zone più dinamiche per la produzione di Lugana DOC, un vitigno autoctono molto particolare del Veneto con una grande struttura caratterizzata da una forte mineralità. Nei 30 ettari di vigneti della cantina, le uve trovano il loro territorio "Cru", producendo vini straordinari e importanti come Amarone della Valpolicella Classico DOCG, Valpolicella DOCG e Lugana DOC.

 

CORTE MOSCHINA

 

L’amore per una terra, la passione per l’autenticità, il lavoro di anni che si è tramandato di generazione in generazione e la volontà di dare sempre il meglio: è grazie a tutto questo se oggi Corte Moschina è diventata una degna rappresentante di un’italianità sincera.

Un terreno gentile che custodisce anni di storia fatta di eruzioni vulcaniche e natura a perdita d’occhio. Ai piedi dei Monti Lessini sorge Corte Moschina, un’antica proprietà veneziana di fine ‘500 che è la casa della famiglia, ma che è anche simbolo della passione, della tradizione e del futuro. La diversità di vigneti sul territorio arricchisce ancor più la storia e il lavoro della famiglia. Da Roncà con i vigneti di Garganega e Durella, agli uvaggi internazionali dei Colli Berici, fino alle vigne della Valpolicella, tutto da Corte Moschina profuma di buono.

 

CORTE VOLPONI 

 

La Valpolicella non è solo un territorio, è la vera espressione di un'area di viticoltura di alta qualità, basata su tipi specifici di terreno, clima unico e loro interazione con le viti. La complessità del terroir della Valpolicella è confermata dalla produzione di vini eleganti.
La zona è ricca di storia nella produzione di vitigni indigeni con una vinificazione unica che porta a quattro vini nettamente diversi: Valpo-licella, Ripasso, Amarone e Recioto.

Una vasta gamma di vini, dallo stile giovane e fruttato, a quelli con una grande struttura e un lungo potenziale di invecchiamento.
Fabio e Paolo Zenato hanno trovato ispirazione nella ricca storia della terra per affrontare l'ambizioso progetto di produzione di vini in Valpolicella con i più alti standard di qualità in viticoltura e vinificazione.
Insieme all'esperienza dei viticoltori nel cuore del territorio della Valpolicella, hanno creato le sinergie ideali per due vini a marchio: Corte Volponi, Valpolicella Superiore Ripasso e Amarone Classico DOCG.

 

NATALINA GRANDI

 

Tenuta Natalina Grandi racconta la passione che da secoli si tramanda di padre in figlio nel comune di Gambellara, ed è rappresentata oggi da Giovanni Framarin e dai figli Luca, Lisa e Valentina. La produzione avviene nei dieci ettari di terreno di proprietà in provincia di Vicenza, divisi tra Gambellara e Lonigo, tra collina e pianura.

Lo spirito che anima il lavoro quotidiano è legato all'amore per la terra, ai suoi frutti e alla produzione di qualità. Le uve vengono lavorate interamente in purezza con una filiera biologica e vengono raccolte manualmente mediante l'utilizzo di cassette. Tutti i processi legati alla vinificazione, alla spumantizzazione e all'imbottigliamento avvengono interamente in azienda e sono gestiti direttamente dalla famiglia Framarin. La degustazione racconta la storia della vigna, del territorio, della vendemmia e della produzione per arrivare al bicchiere.

 

REASSI

 

La cantina Reassi si estende su una superficie di circa 6 ettari nei Colli Euganei, totalmente dedicata ai vigneti biologici.
Sin dai tempi dei romani, i vigneti hanno agito da protagonisti della coltivazione delle pendici vulcaniche dei Colli Euganei.
La composizione geologica di questi antichi coni vulcanici è incredibilmente ricca e diversificata. Il calcare sedimentario di origine marina si trova al di sotto delle singolari marne euganee, che ricoprono i sottosuoli vulcanici formatisi durante l'ultimo periodo di attività vulcanica, ricchi di basalto, che conferiscono ai loro vini personalità e tipicità.

 

Emilia-Romagna

CANTINA DI CARPI

 

La Cantina di Carpi e Sorbara è una Cooperativa con 1.200 soci produttori che ha una capacità produttiva di circa 450.000 ettolitri di vino l’anno.
La produzione vinicola è incentrata sui Lambruschi: Sorbara, Salamino, Maestri, Marani, Viadanese e sul Pignoletto. La Cantina ha fatto costanti sforzi di adeguamento produttivo, orientando la propria attenzione verso una fascia di alta qualità vinicola, rivolta ad una clientela esigente e competente. Il risultato, oggi, è che i loro vini, grazie alle moderne metodologie produttive, sono particolarmente curati per le loro caratteristiche organolettiche. Il Lambrusco, oggi, per la maggiore semplicità e leggerezza dei pasti, è considerato per la sua semplice e disarmante genuinità e freschezza, adatto a tutte le preparazioni.

 

CA' DE MEDICI

 

La storia dell'azienda inizia nella seconda metà dell'ottocento, quando la famiglia Medici possedeva una piccola locanda dove si produceva anche vino. Remigio Medici decise di aprirsi al futuro fondando insieme ai figli l'azienda vinicola "Remigio Medici e Figli". L'azienda ebbe subito un grande successo, infatti nel 1911 ricevette la significativa Menzione d'Onore e la Medaglia d'Oro Croce al Merito all'Esposizione Internazionale di Roma. Nella sua lunga tradizione, la famiglia Medici ha sempre selezionato uve provenienti dalle zone più vocate. L'Emilia Romagna è da sempre rinomata come terra vocata alla coltivazione della vite, grazie ad un'ampia gamma di terroir storicamente riconosciuti.

I vini prodotti a Ca' de' Medici sono apprezzati in Italia e nel mondo per la loro qualità genuina che li differenzia dai prodotti più commerciali.

Il punto di forza dell'azienda è ed è sempre stata la famiglia, che oggi vede la quarta generazione insegnare alla quinta.

TORRE FORNELLO

 

Azienda dalla storia plutisecolare.

Sono infatti del 1200 i primi insediamenti rurali costruiti sui terreni dell'azienda:  viene costruito il forno (“fornello”) dove venivano cotti i sassi di calce che arrivavano dalla vicina località detta Calcinara, dove ora si estendono parte dei vigneti. Nei secoli successivi i terreni apparterrano a vari proprietari nobili, ma è dal 1982 che la storia di Torre Fornello come la conosciamo oggi inizia veramente, infatti L’azienda diventa di proprietà, nella sua interezza, della Famiglia Sgorbati, da sempre viticoltori nei colli circostanti.

Oggi Enrico Sgorbati inizia la nuova era di Torre Fornello, ristrutturando l’antica azienda di famiglia nel rispetto dell’antico dando prestigio e fascino al borgo con soluzioni contemporanee. Enrico continua la coltivazione specializzata dei vigneti, che da generazioni viene praticata, ponendosi come fine la produzione di vini di altissima qualità dando risalto al territorio di origine unendo passione e tenacia, tradizione e innovazione, arte e cultura.

Marche

FILODIVINO

 

La società  nasce dall’idea di quattro amici di riportare in  produzione e  di convertire al biologico un vecchio vigneto di Verdicchio  di circa 50 anni ormai abbandonato e nemmeno più potato da tempo con estensione totale di 20 ettari  e con annesso un casale da ristrutturare in San Marcello tra Jesi e Morro d’Alba. Il lavoro è stato davvero impegnativo, ma la cantina è riuscita a conservare e rispristinare a corretta produzione 7,5 ettari e si è   provveduto a reimpiantare Verdicchio e Lacrima di Morro d’Alba   per completare la gamma dei prodotti delle DOC autoctone locali.
L’azienda è stata 3 anni in conversione biologica e dalla vendemmia 2018 il 100% della produzione è certificata biologica. Filodivino ha scelto di abbracciare la tradizione credendo fortemente nei due vitigni autoctoni per eccellenza della zona compresa tra Jesi e Senigallia, il Verdicchio dei Castelli di Jesi e la Lacrima di Morro D’Alba, entrambi ricchi di potenzialità, dal forte carattere, espressione di una tradizione aperta al progresso della viticoltura italiana. 

 

Lazio

MAZZIOTTI

 

La casa dei Mazziotti fu fondata a Bolsena nel 1900 da Gerardo Mazziotti.
Italo Mazziotti ha seguito le orme del padre, dando slancio alla crescita della Maison. Come con suo padre, Italo è stato sfidato a produrre vino per soddisfare i più alti standard di qualità.
Uno dei principali successi di Italo è stato l'impianto di un vigneto situato nella zona in cui l'Est Est di Montefiascone ha avuto origine. Questa zona collinare è circondata da boschi di latifoglie che contribuiscono notevolmente al clima favorevole del vigneto. Le viti si affacciano sul sole del pomeriggio e i terreni vulcanici sono particolarmente ricchi di potassio e fosforo.
Il vigneto ha una superficie di 28 ettari.
Solo le uve coltivate nel vigneto di proprietà privata vengono utilizzate dalla cantina Mazziotti e le uve vengono raccolte a mano e raccolte in piccoli contenitori da 25 kg.
Dopo la scomparsa di Italo Mazziotti, la figlia Flaminia è al timone della cantina di famiglia, proseguendo nella tradizione di una qualità per la quale la Casa dei Mazziotti è diventata famosa. Attualmente la figlia di Flaminia, Valeria, sta gestendo la casa anche in un continuo rinnovamento dell'azienda e dei prodotti.

 

Umbria

BOCALE

 

Non solo una splendida cantina, ma anche una grande persona. Valentino Valentini è il proprietario di questa cantina ed è stato anche Sindaco di Montefalco per dieci anni. Mette la stessa etica, onestà e trasparenza che ha nella sua vita nel vino, che non ha lieviti e enzimi, nessuna stabilizzazione e filtrazione. La grande attenzione a questi processi sta dando grande riconoscibilità a uno dei più grandi vini italiani, il Sagrantino DOCG, un potente, ricco e naturale vino corposo, e al Montefalco DOC, liscio e pieno allo stesso tempo. Il vino bianco Trebbiano Spoletino?

Qualcuno ha detto: il miglior Trebbiano che abbia mai bevuto!

 

Abruzzo

OLIVASTRI TOMMASO

 

L'azienda Olivastri nasce nel 2000, quando Tommaso decide di mettere a frutto la grande passione e il sapere antico ereditato dalle due generazioni di viticoltori che lo hanno preceduto: il padre Antonio e il nonno Tommaso.

I nostri 15 ettari di vigneto di proprietà si trovano tra la collina e il mare di San Vito Chietino, nel cuore della Costa dei Trabocchi, dove caratteristiche uniche di suolo e microclima danno origine a uve e vini di particolare identità.

La famiglia segue in prima persona tutta la filiera, dalla vigna alla bottiglia, credendo fermamente nell'idea che "il buon vino si fa in vigna", e questa convinzione è al centro delle scelte operative del vigneto e della cantina.

 

Basilicata

TENUTA I GELSI 

 

L'azienda vinicola Tenuta I Gelsi è stata fondata nel 2003 a Rionero del Vulture in Basilicata, una piccola regione del sud dell'Italia. La presenza di laghi vulcanici e delle sorgenti di una delle più importanti acque minerali italiane, permette al terreno di questa cantina (eterogenei, dalle rocce tufacee leggere, i più antichi di origine piroclastica) di ottenere vini incredibili con un forte carattere come il famoso  Aglianico del Vulture DOCG, un potente vino rosso, corposo ma elegante allo stesso tempo.

 

Puglia

PLACIDO VOLPONE

 

Nel 1974 Michele aveva ventotto anni ed era il terzo figlio di Beniamino Placido e Maria Iazzetti. In quel periodo recitava nel “romanzo popolare” con Ugo Tognazzi e Ornella Muti. Domenico, ventunenne, aiutava il padre Rocco nei campi. D'estate le due grandi famiglie trascorrevano molto tempo insieme in campagna ad Ascoli Satriano presso la Masseria Volpone. 

Il frutto della nostra terra è coltivato nel territorio dell'antica Herdonia, prima collina del Tavoliere delle Puglie. Questa è la zona più soleggiata, secca e ventosa d'Italia.

Il vino è prodotto con tecniche moderne oltre che seguendo la tradizione. Tradizione e innovazione continua è il percorso seguito da “Placido Volpone”.

 

Calabria

PODERI MARINI

 

Il valore centrale di questa azienda familiare è rappresentato dal profondo rispetto con cui vuole relazionarsi alla terra, alle persone e all'ambiente in cui opera. Un ambiente in cui l'azienda agricola Marini si evolve negli ultimi 300 anni! Il nucleo originario nacque per la coltivazione dell'olivo e la produzione dell'olio, e ancora oggi, sulla superficie totale di circa 300 ettari, 130 sono uliveti. Successivamente sono stati utilizzati 35 ettari per la produzione della Clementina calabrese, fiore all'occhiello dell'agricoltura regionale, protetta dal CTM pgi. (marchio comunitario). Nel 2003 Marini arricchisce nuovamente l'offerta concentrandosi sulla qualità della viticoltura. 7 ettari di vigneti sono stati piantati su terreni argillosi e collinari a circa 500 metri sul livello del mare ed è stata costruita una nuova cantina. Con questa frenesia l'azienda Marini  torna alla scoperta, interpretandola in chiave moderna, una tradizione presente in quest'area fin dai tempi antichi. L'assortimento di vitigni di varietà comprende l'Aglianico e il Magliocco autoctoni e il Sangiovese internazionale, il Cabernet Sauvignon, il Merlot, per i rossi e lo Chardonnay e il Sauvignon per i bianchi. In vigna e in cantina ha adottato il metodo produttivo dell'agricoltura biologica. 

 

Campania

AMARANO

 

L’azienda vitivinicola Amarano si trova a Montemarano (Av) nel cuore dell'Irpinia, una terra storicamente vocata alla coltivazione della vite. Amarano nasce nel 2004 ed è condotta da Lucia Storti e Adele Romano. Le vigne, di proprietà, si estendono su una superficie di 7 ettari a 500 metri s.l.m. di fronte allo splendido borgo di Castelfranci, un magico paesaggio che fa da sfondo a queste generose colline coltivate a vigneti da quattro generazioni. Il particolare microclima continentale caratterizzato nel periodo estivo da forti escursioni termiche, combinato alla composizione del terreno di natura calcarea argillosa, favorisce la produzione di uve pregiatissime. L'obiettivo dell'azienda è la produzione di vini di alta qualità. La produzione viene limitata attraverso la potatura verde per controllare la vegetazione ed eliminare i grappoli d'uva in eccedenza. Contro le avversità e le malattie della vite sono utilizzati prodotti prevalentemente naturali e/o a basso impatto ambientale riconosciuti dalla Comunità Europea. Non sono utilizzati erbicidi nei vigneti. Un attento lavoro in campagna consente la produzione di uve in condizioni sanitarie ottime che permette di abbattere il livello di utilizzo di solfiti nel processo produttivo. La scelta del fotovoltaico per la produzione di energia elettrica, una fonte pulita e rinnovabile, rappresenta, infine, l'impegno di Amarano per il rispetto dell'ambiente.

 

VINOSIA 

 

Vinosia nasce nel 2004, sulla base di un progetto concreto, ma anche di un'idea, di uno stile, guidato da un unico desiderio, ovvero celebrare la terra che ci ospita, restando al servizio dei suoi frutti più preziosi. Il titolare dell'azienda è Luciano Ercolino, che investendo passo dopo passo fa crescere la sua azienda fino ad oggi, che conta su circa 40 ettari. di vigneto, e su una cantina orientata all'ecosostenibilità dove l'obiettivo principale è la produzione di vini di elevato standard qualitativo, in cui la tecnologia è al servizio della materia prima, base necessaria per ottenere la qualità desiderata. L'obiettivo dell'azienda è quello di promuovere i tesori naturali del territorio, producendo vini che siano avvicinabili e quindi avvicinano tutti al vino, raccontando una storia attraverso il bicchiere.

La cantina si trova nel cuore dell'Irpinia, immersa nel verde dell'antica Paternopoli con i vigneti posti al centro delle denominazioni DOCG e DOC della zona; le uve coltivate sono Fiano di Avellino, Greco di Tufo, Falanghina e Coda di Volpe, Aglianico di Taurasi, Merlot e in Puglia Primitivo di Manduria, e Negramaro. Per ogni ettaro di vigneto ci sono circa 6000 piante e ogni pianta produce circa 1 kg di uva. La resa è volutamente mantenuta bassa per preservare la qualità del prodotto. La cantina produce circa ottocentomila bottiglie.
Se volete provare i veri sapori dell'Irpinia, andate a visitare la cantina Vinosia.

 

Sicilia

FEUDO SOLARIA 

 

Sicilia, il continente del vino! Questa regione è davvero famosa per l'alta produzione di vini rossi e bianchi, impressionanti, caldi e potenti, simbolo del sole e del mare Mediterraneo. La cantina Feudo Solaria è stata fondata nel 1887 e oggi è nota per la produzione di autentici vini siciliani come Grillo, Inzolia, Catarratto (l'uva bianca coltivata in tutta l'Italia), Nero d'Avola, Nerello Mascalese, Frappato. I vigneti di Feudo Solaria che si affacciano sul Mar Mediterraneo consentono al suolo di avere variazioni di temperatura, in questo modo si producono incredibili vini rossi caratterizzati da piacevoli note di rotondità e vini bianchi piacevolmente freschi e gustosi che ricordano aromi di frutta agrumata e fiori di questa magica isola.

 

ALESSANDRO DI CAMPOREALE

 

Le radici della famiglia Alessandro sono molto antiche, intrise di storia. Con l'impegno e l'energia di tre fratelli, Rosolino, Antonino e Natale, affiancati dai figli Anna, Benedetto e Benedetto, il loro modello produttivo si basa sul vigneto e sulle buone pratiche di vinificazione. Continuano a sviluppare e migliorare i loro vini corposi e insieme delicati, raffinati ed equilibrati, nati tra i filari e la passione di chi lavora la terra.
Su un totale di 50 ettari, 40 ettari di vigneto sono distribuiti su un'area che beneficia di un clima mite e semi-secco, tra i 400 e i 600 metri slm, con notevoli variazioni tra il giorno e la notte. Inoltre, 2 ettari sono stati destinati alla produzione di olio d'oliva. È in questo terreno argilloso e calcareo che la famiglia Alessandro punta a valorizzare i vitigni autoctoni, come il Nero d'Avola, il Catarratto e il Grillo, e quelli internazionali come il Syrah e il Sauvignon Blanc, ben adattati nella zona di Camporeale.

 

GENERAZIONE ALESSANDRO

 

Generazione Alessandro è il progetto di tre cugini - Benedetto, Anna e Benedetto - che da diversi anni, insieme ai loro padri, gestiscono l'azienda vinicola di famiglia in provincia di Palermo. Forti del loro percorso nell'azienda Alessandro di Camporeale e del patrimonio di competenze acquisite, hanno deciso di sviluppare un nuovo progetto sull'Etna, territorio dalle caratteristiche uniche al mondo, per dare vita a vini dalla forte identità.
La presenza di più vigneti in posizioni differenti permette di raccontare, attraverso i vini, la storia di questi luoghi e le variazioni micro-climatiche e geomorfologiche che caratterizzano il territorio.
L'azienda si estende per una decina di ettari sul versante nord-est del vulcano. I vigneti ricadono su appezzamenti che, pur essendo molto ravvicinati, hanno caratteristiche geomorfologiche e micro-climatiche differenti, influenzando profondamente la resa delle uve. L'antico palmento ospita la cantina di vinificazione.

 

NERI

 

Oggi Neri Agricola si estende su una superficie complessiva di 9 ettari, di cui 5 coltivati ​​a vigneto e 4 destinati ad uliveto, tra le frazioni di Arrigo e Borrigliona, a un'altitudine di 600 metri sopra il livello del mare, su un territorio dal carattere complesso grazie ad un terreno di origine vulcanica con un'importante componente minerale. I due vini ottenuti dalle uve di proprietà, Etna Rosso Doc ed Etna Bianco Doc, esprimono le caratteristiche del grande terroir etneo attraverso un profumo fine ed elegante e un gusto fresco, intenso ed armonico, impreziosito da piacevoli note minerali.

 

SPADAFORA

 

Gli Spadafora sono una nobile famiglia siciliana le cui prime notizie storiche risalgono al 1230.

Il fondatore dell'Azienda Agricola Spadafora è Don Pietro Spadafora, che ereditò la tenuta dallo zio Michele De Stefani, contadini e allevatore di cavalli da corsa. La tenuta fu danneggiata dal terremoto del 1968, ma Don Pietro riesce a ricostruire e riqualificare l'azienda, reimpiantando i vitigni autoctoni e portando in Sicilia uve internazionali, per vini di alta qualità.

L'attuale proprietario è Francesco Spadafora, figlio di Don Pietro.

I vini sono prodotti esclusivamente con le loro uve, raccolte nel comune di Virzì. Trattandosi di una produzione biologica, non utilizzano elementi esterni durante il periodo vegetativo e di vinificazione, nemmeno i lieviti. L'azienda produce vini come Grillo e Catarratto ma anche Merlot e Nero d'Avola solo per citarne alcuni.

 

 

LIMONIO

 

Dalla produzione degli agrumi dai cui fiori di zagara si ricavavano, attraverso tecniche antiche, i preziosi oli essenziali impiegati nelle preparazioni cosmetiche, farmaceutiche e dolciarie, fino alla svolta del Limoncello negli anni ’90 (il primo a essere prodotto direttamente in Sicilia), la famiglia Russo ha trasformato la propria azienda senza snaturarne lo spirito, facendo tesoro di intuizioni figlie di quell’esperienza che solo il lavoro di ogni giorno sul campo, generazione dopo generazione, può donare.

Una linea, quella dei liquori Limonio, che conta oggi ben 10 esemplari, frutto di autentici tesori di Palermo e delle sue campagne come limoni, arance, mandarini, gelsi, fichi d’india e alloro, tutti coltivati in regime biologico nella grande proprietà di Partinico, più altri come il liquore al caffè, al cioccolato e alla cannella che nascono da un’attentissima selezione dei produttori e delle loro materie prime.

 

 

Stampa Stampa | Mappa del sito
© AGRIMENT ITALIA Italy AGRIMENT ITALIA di Anna Maria Ciccarone - Via Orbassano, 68/h 10060 None (To) Italy - P. I.V.A. 10898290019 C.F.: CCCNMR70L66D390S

Chiama

E-mail